martedì 26 maggio 2009

SI, VA BENE FREE MANDELA, MA FREE ANCHE BILLY BALLO

Sappiamo di essere un popolo di poveracci. Sappiamo anche di essere un popolo di preti filocomunisti giacobini gattopardiani qualunquisti reazionari anarchici tentati dalle dittature autoritarie e dalle feste di paese. Sappiamo che per noi la mamma è sempre la mamma, insomma.

Dovremmo quindi adoperarci addosso un po' più di sincerità. Infimo pertuso della coscienza, l' autocritica è oggi, graziadeo (era un fardello noioso), declassata a operazione da deboli sfigati. "Ho fatto una cazzata" è una semplice frase, un tempo molto adoperata dal popolo, che è stata negli anni oggetto di una rivoluzione culturale capitanata e fortissimamente voluta da questo fulgerrimo centrodestra fisico e mentale che possiede questa pseudo-nazione come un poltergeist (centrodestra nel quale includo il quartetto cronologico per scorregge Pds-Ds-Pd-Rc). La suddetta frase, transitata dalla formulazione di epoca craxiana "Ho fatta una cazzata, ma tu stai zitto che ti ho visto farne una pure tu l' altro ieri e non ti ho detto niente" attraverso molteplici fogge, è arrivata oggi a: "Ho fatto una cazzata? Forse intendevi dire che TU hai fatto una cazzata, difatti non so cosa io abbia fatto perché non me l' hai ancora definito bene e comunque quando faccio una cosa non è che poi debbo anche ricordarmela, ma di sicuro è colpa tua, decerebrato pedofilo comunista".

Ecco, Billy Ballo (Alessandro Saro, 33 anni, comico del team Maccio Capatonda) si è scopato una tredicenne.

Ha fatto una cazzata. Anche perché i vent' anni di differenza, in questo frangente storico, si trovano ad essere -in maniera sordidamente trappolosa- rivelatori di un comportamento punibile penalmente (se non si hanno 38 anni o più, ovviamente).

(Scusate un secondo, devo usare un po' di parole del giornalismo contemporaneo, se no l' articolo non piace alle masse. Allora: Vuoto di valori, allarme facebook, pandemia di pedofilia, sessualità contorta, felching, vergognoso, Socci)(Credo basti)

Nonostante la suddetta ragazzina abbia difeso il suo amante, dichiarando, per farla breve, che è lei che ci è stata e gliel' ha data, è superfluo notare come in effetti Billy Ballo abbia fatto una cazzata. La cosa ridicola è che tutti i commenti che ho sentito IN PRIVATO sono stati: "Che fico"/"Che coglione, si è fatto beccare"/"Davvero? Hai mica il link della home page della bimba?"

Ecco.

Vi risparmio il pippotto Scalfari Style, ma vi dico: se questo tipo di pratica fosse legale, in questo paese, le minorenni con curiosità sessuale verso gli adulti (anche minima) sarebbero strapiene di pene dalla mattina alla sera, anche ore pasti.

Non esisteranno mai minorenni sufficienti, in Italia, per domare la voglia di minorenni degli italiani tutti.

(Devo dire che le donne hanno buon gioco in questo, perché possono educare (o -non- educare) la propria figlia come una troia spacciatrice albanese, appoggiarle la chirurgia al seno per ottenere un' ottava, fissare col dottore l' appuntamento per la spirale, iscriverla a Maria De Filippi e missitàlia e poi, alla fine, quando viene violentata, scaricare la colpa sul marito, sulla società e soprattutto su quel rumeno che ora deve morire appeso per i testicoli -umile opionine del 99,9% della folla che in quel momento sta giusto giusto sanguinando dalle gengive).

E comunque, per quanto possa ritenere Billy Ballo un cretino (ma stimo la costanza di uno che si cerca con spregio del pericolo la propria tredicenne ideale su Facebook), mettere in galera per violenza sessuale e pedofilia la gente per essersi scopata una -eventuale- ninfomane consenziente alla furiosa e avida ricerca di un cazzo abbastanza famoso da rendere famosa la sua fica, è una pena che non si da neanche a un povero piccolo Presidente del Consiglio.

A quanto vedo.

(Figuriamoci a Billy Ballo, il ballerino più bravo del mondo).

Provenzano? Dov' era Provenzano in questi ultimi (mh...) 40 anni?

A casa sua.

Applausi al sistema, quindi, e FREE BILLY BALLO.

ATTENZIONE ATTENZIONE: IN REALTA' QUEST' ARTICOLO E' IMPROVVISATO! VOLEVO SCRIVERE UN' ALTRA COSA POI MI E' VENUTO IN MENTE CHE E INSOMMA POI E' USCITO QUESTO LI' PER LI'!
OGNI DISTINGUO FILOSOFICO, OGNI DIBATTITO ETICO E OGNI RAMANZINA NEOCON EVENTUALMENTE MOSSE AL SOTTOSCRITTO SARANNO CATALOGATE ALL' INTERNO DELLA SOTTOCARTELLA "DA RILEGGERE DOPO LA VITTORIA DEL PD".

62 commenti:

livefast ha detto...

ad altissimo rischio di fraintendimento. ma bello. io non l'ho frainteso per nulla. a parte la disposizione degli spazi intorno alla punteggiatura. fastidiosa.

il fottuto segno di interpunzione è attaccato alla parola che precede e seguito da uno spazio. ALWAYS. ebbasta dai.

lo zio Giorgio ha detto...

Vaffanculo tu e i post belli come questo post del cazzo che mi ricordano che dovrei spremere un po' di più le meningi per scrivere dei post decenti e non ci ho tempo/voglia.
Vai a farti fottere.

Woland ha detto...

LiveFast, mi fa piacere che ogni tanto ti fai sentire anche qui.

Nondimeno, la tua crociata contro la CORRETTA grammatica e punteggiatura italiana, è invero -e mi dispiace dirlo- persa in partenza.

Woland ha detto...

Zio, mapporcadiquella, è che non ti va, non è questione di spremere le meningi.
Devi solo scrivere qualcosa che ti diverta, checcazzo.
Dillo, che ti siedi là e dopo tre righe stai subito pensando al Liuk Steccalecca in congelatore.

livefast ha detto...

–lungo il trattino. negli incisi SEMPRE.

Woland ha detto...

Infame.

ilanio ha detto...

ma che free e free?
in galera e buttare via la chiave
e una cazzuolata di cemento alla tredicenne, che torni a giocare con le barbie
come sei cattivo poi col Silvio, ha detto che ci spiega e saremo tutti con lui
lascia solo un po' di tempo agli sceneggiatori di Centovetrine

Anonimo ha detto...

scrivi: "una -eventuale- ninfomane consenziente alla furiosa e avida ricerca di un cazzo abbastanza famoso"

a parte il post - si a tratti divertente e ben scritto ma veramente da spararsi sulle gonadi - tu lo sai che il termine ninfomane fa parte di quella serie di patologie che gli psichiatri attribuivano alle donne esattamente come a lesbiche, omosessuali etc etc?

lo sai che il corrispondente maschile di ninfomane non c'e'?

letteralmente significa che è una alla quale piace fare sesso. le piace. piace a lei. una volta tanto non a lui.

questo per la mentalità del secolo scorso era una malattia ma penso che tu oggi sei in grado - fatti forza - di sopportare l'idea che una donna possa voler fare sesso per puro piacere senza per questo essere definita "ninfomane".

ciao
mara

Anonimo ha detto...

In realtà, Mara, la ninfomania non si risolve nell'aver piacere di fare sesso, ma nel bisogno coatto di farlo, peraltro solitamente _senza_ ricavarne piacere. Ed è considerata una malattia anche al giorno d'oggi, col nome, valido per entrambi i sessi, di ipersessualità.
E il corrispondente maschile (ovviamente non _l'esatto_ corrispondente, non essendo maschi e femmine esattamente uguali) esiste e si chiama satiriasi.

Comunque, come dice Livefast, era un post ad altissimo rischio di fraintendimento. E come credo pensi Woland, ma chi se ne fotte.

Danilo

Woland ha detto...

Ciao mara,
Ecco non solo ci credo e lo accetto, ma -oddioaiutamisitiprego- lo AGOGNO.

E comunque, vorrei precisare, io ho dei MIEI criteri linguistici. Avrei usato "ninfomane" anche Madre Teresa di Calcutta, se fosse servito a raggiungere lo scopo dialettico.

Ma anche no, in effetti.

Le darei della ninfomane anche gratis.

Più che altro, non capisco questo velo di indignazione. Dove ho scritto che sono contrario alle ninfomani e/o le disprezzo? Sei pazza? Sono un MASCHIO. Come cazzo farei a parlare male delle ninfomani?

Hai mai visto un gatto insultare il kitekat?

E comunque penso di poter sopportare l' idea che una donna faccia sesso per puro piacere. Lo insegno con dedizione e fatica ai miei 354 figli battezzati.

suvvia.

diamonds ha detto...

"Post ad altissimo rischio"(infatti mi sono sentito di leggerlo solo a raffiche)Billo Ballo andrebbe condannato dal punto di vista artistico di sicuro perchè non fa neanche ridere la claque.Sulla vicenda penale non mi esprimo fino a dopo il terzo grado in quanto sono un garantista anche per quelli per cui nutro un interesse prossimo allo zero.Vi ricordo solo che esistono dei precedenti giuridici in cui il giudice ha assolto l'imputato quando si accorgeva di trovarsi di fronte a una storia d'amore,e l'accusato non usava recuperare carne fresca in modalità sistematica(do you remember Abelardo & Eloisa?)

F.T. ha detto...

Ma papi...

peppermind ha detto...

Una 13enne che ti chiede di essere scopata?

Ma subito a casa a studiare, via, altro che scopare.
BillyBallo è pericoloso perché non la pensa così.
Tu sei pericoloso perché nn la pensi così.

Non la digerisco questa normalizzazione dell'assurdo.

Woland ha detto...

Ovviamente.
Sapevo che sarebbe successo ciò.

Allora:
IO sono pressoché sicuro al 101% che nella situazione di Billy Ballo NON mi ci sarei mai potuto trovare, perché non vado nelle chat ad adescare tredicenni. Perché non sono un cretino. Non fino a questo punto, almeno. Né, se mi capitasse di incontrare una ninfomane tredicenne, le darei corda. Tredici anni? Rende il sesso anale impossibile. Tsé.

Tutti conoscono l' acronimo CBCR. Esiste per una ragione sociologica.
E poi basta irritarsi per i risvolti etici di un articolo umoristico che in realtà fustiga i costumi contemporanei.

Benedetti ragazzi, ma non vedete che non faccio altro che fustigare costumi contemporanei? Si sono quasi rotti i coglioni di essere fustigati!

Il post ha un sesno ben preciso, e non riguarda la riabilitazione della pedofilia.
Che vi posso dire?
Vi dovrete fidare.

peppermind ha detto...

Forse il problema è quello, che a furia di fustigare, poi uno non sente più gnente.

A volte sembra così, "frusto", appunto, questo stato semantico sociale.

Boh.
Se non ho capito nagott, al chiedi schisa!

Anonimo ha detto...

http://it.wikipedia.org/wiki/Ninfomania

"Nel 1992 l'Organizzazione Mondiale della Sanità non riconobbe più nella ninfomania una patologia e nel 1995 la American Psychiatric Association cancellò tale voce dalla IV edizione del Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali[...].

I termini ninfomania e ninfomane entrarono presto nel linguaggio comune in un'accezione generica e spregiativa, per definire donne sessualmente libere e intraprendenti. In questo senso il filosofo Umberto Galimberti, ha voluto vedere nel concetto di ninfomania "un prodotto dell'immaginario maschile che teme la sessualità attiva della donna, perché l'uomo si compiace di attivare la sessualità nella donna, ma va in angoscia se la donna attiva la propria sessualità da sé [....] Questo tipo di relazione, che gli uomini di frequente instaurano con le donne, è vissuto in modo angoscioso se sono le donne a instaurarlo con loro, perché, di fronte all'intraprendenza femminile, l'uomo si vede collocato in quella condizione di passività in cui ama invece vedere collocate le donne [...] siccome un uomo senza potere fa vergogna a se stesso, allora, per salvarsi, non gli resta che iscrivere la donna che lo riduce in queste condizioni nella sfera della patologia e, scomodando la mitologia greca, traduce il fascino di una ninfa in una malattia [...]. Alcune definizioni psichiatriche come l'isteria (anch'essa non più esistente e riferita alla esigenza delle donne di essere sessualmente più soddisfatta, tant'e' che la terapia era il massaggio pelvico "conttinuato") e la ninfomania raccontano molto più delle difese degli uomini nei confronti delle donne, di quanto non dicano delle patologie femminili.""

questa la citazione. senza considerare wikipedia oro colato mi sono andata a ricontrollare le psicopathie sexualis e nel librone delle patologia proprio non c'e', quindi "ninfomane" è un termine usato per disprezzare le donne.

sarebbe stato bello, al di la' del pezzo politicamente scorretto del quale ci si compiace, che la scorrettezza andasse oltre il conformismo.

definire lui, per esempio, ninfomane o un satiro (da satiriasi), sarebbe stato davvero molto più originale.

per il resto, trattandosi di un trentenne che ha approfittato dell'ascendente che aveva su una ragazzina il chi se ne fotte lo lascio a voi.

brutta la galera per chiunque, anzi dovrebbero eliminarla, ma orrendi i pregiudizi che parlano malissimo di donne persino quando si satireggia...

tutto ciò risulta, alla fin fine, terribilmente banale.

scusa, ma chiarezza alla chiarezza, no?

spero non ti offendi.

ciao
mara

Divara ha detto...

Ha ragione il sorlivefast sull'altissimo rischio di fraintendimento del post. più o meno penso di aver capito.
un po' mi irrita, ma sia chiaro, mi irrita di più il fatto che tutti si vogliano scopare le minorenni mentre a me non mi si filano manco per sbaglio perché ormai riesco a ricordarmi la tabellina del 5 a memoria.

p.s.: so che non hai facebook e forse se avessi dato un'occhiata ai gruppi che inneggiano alla liberazione di quel testa di cazzo forse questo post avrebbe avuto un sapore diverso.

p.p.s.: anche io voglio lezioni di punteggiatura da livefast. magari - finalmente - potrò capirci qualcosa.

Divara ha detto...

non so bene cosa volevo dire con il mio commento.
facciamo che decidi tu, eh?

Woland ha detto...

non vedo niente che mi sia di offesa.

Ma cara Mara, l' ha detto anche Luttazzi che non può esserci snobismo per le vittime nella satira né simpatia o appoggio per il carnefice (o per chi commette violenza sull' altro), questo lo prendo come assunto e ne convengo in maxime.

Però non è vero che accusare di Satiriasi quel cretino avrebbe fatto più ridere o ristabilito la giustizia ipotetica. Né sono affatto convinto che la mia versione dei fatti abbia qualcosa di maschilista. Io, nel post, accuso il genere MASCHILE, PER INTERO, di "satiriasi".

"Non esisteranno mai minorenni sufficienti, in Italia, per domare la voglia di minorenni degli italiani tutti".

Te ne sei accorta?

I miei enunciati, quando si parla di sessualità, non mancano di trovare inorridite alcune persone. A volte a ragione -so essere IMPIETOSO- a volte a torto, come, credo in questo caso.

Qui l' indignazione per il clima generale è chiamata, dalle mie parole, come un cane è richiamato dal fischietto.

Poi viene il secondo livello. Volete mettere al fresco tutti quelli che desiderano una minorenne?
Meglio aprire un carcere grosso come la Siberia.
Indignarsi per la vicenda Billy Ballo, che ha commesso un reato (ipotesi di reato, almeno fino alla cassazione) in cui non c'è violenza (semmai, al massimo, circonvenzione d' incapace) è una cosa che dimostra la ridicolaggine e l' ipocrisia dell' opinione pubblica.

I padri stuprano le loro bambine. Gli zii. I nonni. Gli amici. I parenti.
E queste, di bambine, di rado sono consenzienti.

Un uomo, per quanto idiota, è stato appena condannato (e non serve un tribunale per farlo) a una vita di merda e ad essere considerato una persona di merda (forever) per aver avuto rapporti con una persona consenziente, che all' interrogatorio l' ha perfino difeso.

E a quanto vedo, siete in tanti a cascarci e a storcere la bocca.
Io ho conosciuto delle tredicenni, e già dieci e più anni fa, che si vantavano pubblicamente di aver fatto una sega a un compagno delle medie.

L' appunto sulla ninfomania è un COLLEGAMENTO con la situazione di vertice da me adombrata (il caso Noemi, che ho voluto ventilare come Eidon iperuranico dei costumi sessuali e di potere).
E' ovviamente non si tratta della NINFOMANIA di cui parli tu.

Si chiama "IPERBOLE".

La troiaggine, maschile e femminile, è vissuta come una moda che, sebbene frivola e degradante, viene considerata portatrice di "medaglie al valore" sul campo di battaglia della bestialità quotidiana.

Io scrivo cose -anche- per farvi storcere la bocca. Mi preoccuperei di più se tutti rimanessero indifferenti. La tua applicazione di distinguo e di riflessioni è esattamente quello che si chiede a una persona con spirito critico. Ma fate attenzione al contesto.

Se io scrivo "Sionisti di merda", non andate col pensiero ai campi di concentramento.

Andate da Avigdor Lieberman.

Woland ha detto...

Divara, ho ben due amici che si vogliono fare la maglietta "Free Billy Ballo" e andare a fare quel ballo sotto il ministero. Cazzi loro.

La mia invece non è una provocazione fine a sé stessa. Contiene un giudizio, e anche grave.

Ma il sottotesto è sempre questo, e lo dedico a tutti gli "italiani":

Sono vent' anni, forse tretna, che sopprotatee ANZI, gradite e plaudite, programmi come Studio Aperto, Lucignolo, Colpo Grosso, Domenica In, le megatette, i superculi, le troione, il sesso esplicito e castrante, fasullo, generatore di quest' ottica becera e frustrata della sessualità.

Gli stupratori siamo noi. Mettere in galera Billy Ballo è come il gerarca nazista che si pulisce il sangue dalle suole.

Diceva Manuel Agnelli, qui giustamente:

"Puoi non vedere, puoi rifiutare, ma le serpi di oggi sono i vostri bambini".

Skizo ha detto...

Anzi, free anche A BillyBallo.

Anonimo ha detto...

Mara, delle volte sospetto che Woland abbia bisogno di un traduttore.

Il concetto _non_ era che la pedofilia (anche col consenso della minorenne) sia accettabile, se non con un'accetta.
E non era neppure che una donna, o bambina, o quel che è, si meriti tutto quel che le succede solo perchè il sesso le piace.

Il concetto era che l'indignazione ipocrita in pubblico, e l'invidia o l'ammirazione in privato, degli astanti fanno _più_ schifo ancora dell'idiozia di Billy Ballo.

In subordine, era anche che idioti si nasce, e non ci si può fare molto, ma cercatori/trici di fighe/cazzi famosi ci si diventa. E se a tredici anni lo si è diventato, beh, i problemi non li ha Billy. Non i più seri, almeno.

Lo stile era provocatorio, ma cazzo, se non provochi non susciti discussioni, e se non si discute non ci si spiega.

Danilo

(Se poi l'ho capita male io, beh, mi corigerete...)

codino ha detto...

Vorrei dire la mia anche se a detta di un eccellente professore di provincia probabilmente non ne sarei capace.
Ho capito il senso che volevi dare al post.
Solo che anche io non riesco a digerire la questione "ninfomane" perchè sono sicuro non debba essere difficile per un comico più o meno famoso circuire una tredicenne. Abbiamo presenti le tredicenni di oggi? magari sono truccate, vestite da bagassoni ma pur sempre mentalmente delle 13 enni e forse meno. Ha ragione Manuel la colpa è dei genitori, è nostra, ma non tutti considerano studio aperto un telegionale e c'è ancora gente capace di inorridire davanti a certe notizie.
Che ci vuole a circuire un bambino? Un lecca lecca? eppure quella bambina ha leccato altro...ed è stata istruita a negare a mentire alla polizia etc...ma di che stiamo parlando?
Consenziente una ceppa!
Solo perchè il mondo e soprattutto l'italia dei potenti è piena di impuniti allora passi tutto?
Io non riesco a pensare "Free Billy Ballo" manco per scherzo...
Quando questa bambina sarà adulta come ricorderà il pisello di Billy nel suo giovane deretano? Questo è quello che penso in rispetto di chi ha sofferto pene e peni simili

Woland ha detto...

Beh, per esmprimere giudizi in merito alla forzatura delle testimonianze bisognerebbe aver letto tutti i verbali.
Comunque hai ragione, caro mio concittadino e amico personale che adombri un nick di lontana memoria.

("Bagassoni" sulla rete non si usa :-)

Sono d' accordo sulla presunzione d' innocenza.
E anche sulla questione dei bambini. Ma ci rifugiamo troppo dietro la questione dei bamibni. A livello profondamente umano, credo che il discorso debba essere trasversale all' età.

Un bambino di 5 anni non sa niente del sesso. Ma mio cugino di undici lo sa eccome. Quello che non c'è è l' educazione (dall' esterno) e l' esperienza (dall' interno).

Da parte mia c'è il ragionevole dubbio che l' innocenza non sia un criterio anagrafico. Quando quella bambina sarà grande, sarà che sappia di aver fatto anche lei una cazzata. Altrimenti siamo da capo a dodici.

Anonimo ha detto...

caro woland,

qui non si tratta di snobismo. lo stesso luttazzi penso avrebbe avuto seri problemi ad usare termini sessisti.

la satira è ok. nulla è censurabile. ma io parlo di conformismo del linguaggio. semplicemente non c'e' nulla di rivoluzionario nel chiamare una tredicenne ninfomane e nell'attribuirle la ricerca spasmodica di un cazzo famoso.

scusami ma non mi fa ridere, non mi sembra che il pezzo sia destinato a sporcare alcunchè, non ci vedo guerriglia semantica.

tutto molto nella norma. tutto solito, scontato, banale.

e se la differenza tra proprietà transitiva e intransitiva ha un senso allora no, tu non hai parlato di satiriasi maschile ma l'hai usata come attenuante per dire che in fondo c'e' questa bella ragazzina che cerca cazzi famosi mica per niente, ma giusto perchè è ninfomane. e il cerchio è chiuso.

se ci sono riferimenti di satira che condannano l'ipocrisia maschile, la doppia morale, tutto quello che sentiamo ogni giorno in italia, non l'ho letto o non mi sembra espresso con chiarezza e ti assicuro che la satira mi piace, quella trasgressiva, quella sporca, quella che ti fa stare scomodo ovunque.

l'iperbole ci sarebbe stata, ripeto, se avessi capovolto il meccanismo, il discorso, il ragionamento.

come dire: fantastico che si ritenga che le donne siano attive anche in senso sessuale (per una volta), ma è proprio necessario che le donne attive siano viste in chiave negativa?

sante o puttane, vittime o ninfomani.

trova una via di mezzo e avrai descritto noi.

se riesci in questa difficilissima iperbole allora avrai segnato un punto nella sfera della trasgressione semantica.

e infine ti devo contraddire: la troiaggine non è vissuta come moda.

è usata dagli uomini per insistere sul fatto che se le donne vengono violentate è perchè se la cercano.

fosse vissuta come moda saremmo ad un passo dalla vera liberazione dei costumi.

invece tu la vedi mara carfagna che proclama il suo "dio, patria e famiglia" e il padre di noemi che parla di illibatezza?

siamo al delitto d'onore e tra poco torneremo al matrimonio riparatore e perciò, riscusami ma io non ci trovo nulla da ridere.

tanti anni fa gli uomini sposavano, violentavano abitualmente dodicenni e tredicenni, persino bambine di dieci anni e tutto era regolare perchè si trattava di "amore" dichiarato.

spiegami quanto una bambina può avere scelto consapevolmente a quella età.

stiamo tornando allo stesso tempo e va anche bene che ci si faccia satira purchè stimoli reazioni, anche incazzate, ma le parole sono importanti.

ps: non sono io a cascarci. mi pare che ci sia cascato tu. evidentemente il reality messo su dal clan di berlusconi sta ottenendo l'effetto sperato. un salto indietro nella storia della nostra cultura. ora chi giudica gli uomini come berlusconi e billy ballo è "moralista" o non capisce la satira. è un brutto tempo questo...

ciao
mara

Woland ha detto...

Bah. Come ti pare.
Approvo il tuo discorso, ma mi sembra che i punti che ti risultano mancanti ci siano, in realtà. E che di sessista non ci sia niente.

Basterebbe una piccola nota. Il mondo è dei maschi. Il mondo è una specie di disastro tanatofobico e fallocentrico. Come e perché secondo te dovrei prendermela con le donne? La mia mente è piena di figure che mi destano fastidio e repulsione, e ti assicuro che le donne -come genere, c'è sempre Simona Ventura- non sono tra loro.

Il circo disgustoso dei circenses mediatici l' hai propriamente descritto. Questo post non ne è lo specchio. Ne è il vomito e l' ironico destino. Il tono è sempre sulla lama della contraddizione/accordo col banale e col ridicolo perché così mi piace fare alle volte. Specie quando parlo di una notizia che è satirica di per sé: "Billy Ballo arrestato per Pedofilia". E' come "Mickey Mouse si droga".
E' normale che ci scriva un post ai bordi del nichilismo.

E così continuerà ad essere.
Se il post non ti piace, va bene.
Ma e il post è eticamente contestabile, è tutto da vedere.

sostanzaM ha detto...

ancor più bello di questi post -che restano sublimi- è vederti scapicollarti a render risposta a chi non è in grado di cogliere la perversa bellezza di questi scritti

Woland ha detto...

Se non avessi voluto che così fosse, avrei fatto come Chinaski e tolto i commenti.

Non è detto che un giorno non lo faccia.

Anonimo ha detto...

quando penso alle donne penso a quelle che non necessariamente veicolano cultura sessista. non a caso ti ho citato mara carfagna che - e si è saputo giusto oggi - ha oscurato dalle pagine del sito del ministero alle pari opportunità quella riferita all'omofobia.

la ventura neppure la considero se non nella sua veste fallologocentrica di maschera di se stessa.

rispetto al tono ti giuro che non me lo devi spiegare. :)

puoi scrivere come vuoi e cosa vuoi e sarà sempre ok.

e colgo la nota satirica sul paragone billy ballo e mickey mouse. ci sta tutta perchè sono due prodotti mediatici.

non la colgo se usi mandela che è finito in carcere per motivi differenti, perseguitato per cose orribili, vittima dell'apartheid bianco.

il paradosso non riesce perchè billy ballo non è un perseguitato politico e la sua vicenda ha ben poco di nobile.

e non riesce ancora di più perchè usi quella brutta frase sessista già citata.

la critica è tutta qui.

con il termine "nichilismo" non puoi giustificare il retroterra culturale - non il tuo, ma "nostro" e da disimparare - delle cose che scrivi.

per il resto davvero non volevo fare polemica ne volevo fare un processo alle tue intenzioni. non c'e' contrapposizione e non siamo ne a porta a porta, ne a uomini e donne ne a forum.

volevo solo spiegare il motivo della critica. grazie per avermene dato l'opportunità e per aver voluto approfondire.

invito pertanto i tuoi fan a non sentire la necessità di schierarsi perchè la guerra fredda è finita da un pezzo e io e te stiamo confrontandoci gratis :)

(altrimenti pretendo un obolo :P)

ciao
mara

iaia ha detto...

t'adoro woland, eccheccazzo. già te lo dissi, rammento.

Anonimo ha detto...

E scommetto, Mara, che Woland ride anche alle barzellette sui negri.
Non ti mando un obolo, però. Se ti pare, fammi un decreto ingiuntivo.

Danilo

F.T. ha detto...

Di nuovo: "ma papi..."

Cristo. Viviamo in un paese (allarga: continente; allarga: occidente) che si è sucato per duemila anni (e ancora accetta di sbrodarne la sborra dai lati della bocca)una religione che ha alla base il più formidabile e flamboiante degli ossimori pedofili e ancora abbiamo il coraggio di indignarci davanti a certe cose. Bah.

Da intendersi come lancia spezzata in favore di Woland, che del resto non ha nessunissimo bisogno di alcun Sancho Panza.

Hail

YukinoM. ha detto...

Questa parte del post è del tutto riprovevole, te la potevi proprio risparmiare. fanculo

"(Devo dire che le donne hanno buon gioco in questo, perché possono educare (o -non- educare) la propria figlia come una troia spacciatrice albanese, appoggiarle la chirurgia al seno per ottenere un' ottava, fissare col dottore l' appuntamento per la spirale, iscriverla a Maria De Filippi e missitàlia e poi, alla fine, quando viene violentata, scaricare la colpa sul marito, sulla società e soprattutto su quel rumeno che ora deve morire appeso per i testicoli -umile opionine del 99,9% della folla che in quel momento sta giusto giusto sanguinando dalle gengive)."

Anonimo ha detto...

Woland, mi piacerebbe essere capace di far incazzare la gente dicendo cose giuste e ben scritte, come sai fare tu. Non è che mi daresti qualche lezione?

Danilo

(Niente obolo neanche questa volta...)

cliste ha detto...

è che il sciùr livefast ti ha avvisato nel primo commento...post a rischio. e infatti ti si è freinteso...la comicità non vuole sdoganare nessun atteggiamento condannabile. o ScaricaBIle. vuole solo fare ridere. correct o no. con o senza politica. mente.

Woland ha detto...

In effetti, Mara, avresti piena ragione anche qua. Quella cosa di Mandela sarebbe uno scivolone dettato dalla fretta.

In realtà il titolo è una citazione ad Elio e le Storie Tese e alla canzone "Mio cuggino"

("Si va bene Free Mandela/Free Valpreda e tutti gli altri/Ma free anche Mio Cuggino/Anzi, Free anche a mio cuggino"),

citazione che infatti Skizo raccoglie puntualmente. Elio e gli elii sono amici di Maccio Capatonda (MArcello Macchia) e del suo giro di amici/attori comici. Come titolo era appena nascosto, ma in fondo telefonato.

E infatti, il risvolto da richiamare era quello per cui oramai si fa riabilitazione ed agiografia sociale dei peggiori dementi e criminali del mondo ("Mangano è un' eroe"/Funerale di Pinochet).

parentesi per ringraziare Iaia e la sua eccedente benevolenza, che non merito (massì)(mannò)(mezzemmezzo come Franceschini).

YukinoM...

...

Hai ragione.

Potevo risparmiarmelo.

Ma non l' ho fatto.

E' per questo che c'è un post, qua sopra.

Artemisio ha detto...

MI sto perdendo gran cose scritte e fior di discussioni per futilissimi mitivi di integrazione sociale, che prevedono - molto stupidamente - che per poter ricevere soldi io debba offrire una prestazione lavorativa. A volte per un numero di ore epsilon grande a piacere.

diamonds ha detto...

come cazzo ho fatto,quando ancora non ti conoscevo a chiederti perchè non ti piaceva John Henry Bonham.Tu sei Bonzo

Woland ha detto...

Arte, ci serve un piano per non lavorare mai più.

Vediamoci al solito posto alla solita ora e porta i fratelli Zucconi.

Woland ha detto...

In che senso, Diamonds?
Che bevo e sono grasso?

Guarda che bevo molto meno che in passato e che non sono grasso (solo un paio di chiletti in sovrappeso, che sarà).

diamonds ha detto...

nel senso che wikipedia scrive su Bonzo quello che un giorno scriveranno di te(ovviamente tu ci seppellirai):
"il suo suo stile, basato su un'eccezionale alchimia di estro ed aggressività, creatività e tecnica, ha modificato radicalmente il modo di concepire la batteria e le percussioni nella musica contemporanea"

Woland ha detto...

Wow. Bello.

Ma utopico.

Anch' io credo che parleranno di me come parlarono di Bonzo, ma in maniera più obiettiva.

"E' morto affogato nel vomito".

Anonimo ha detto...

Ma quanti artisti sono morti affogati nel vomito cribbio? O è sempre lo stesso?

(io ho rischiato di fare quella fine addormentandomi nel sacco a pelo a testa in giù... non vi dico poi la mattina)
(visti i rischi di fraintendimenti, a testa in giù intendo con la testa al posto dei piedi, imbacuccato come una mummia, non appeso a testa in giù come un pipistrello)


Luis

Anonimo ha detto...

(era sottinteso dopo una ubriacatura particolarmente seria, ed è pure sottinteso che in quel sacco a pelo ci ho sboccato copiosamente.
Ma non sono morto.
Almeno credo.)



Luis

Anonimo ha detto...

No, non sei morto. Magari avresti dovuto esserlo, ma non sei morto, credo.
Voglio dire, se i morti digitassero, probabilmente avrebbero cose più interessanti da dire.

Danilo

Arturo Folletti ha detto...

tutto molto bello complimenti, voglio solo puntualizzare che se non ho capito male l'età del consenso in italia è fissata a 15 anni, e adesso non ci ho voglia di controllare ma pure in europa ci c'è un paese dove addirittura è 13 giustappunto l'età della minorenne, io su questo vorrei fare una provocazione (lo dico per la cia che sta seguendo questo blog): ma non sarebbe il caso di adeguarsi alla natura? esempio: ci hai le mestruazioni? ok, sei pronta per la procreazione. scusa se mi sono dilungato, ciao woland!!

Anonimo ha detto...

Prendo la bacchettata di Danilo chinando la testa, in effetti è proprio così, ho commentato solo per com...

Anzi, per stare in tema col post di Woland:

NO. Non è così Danilo.
Non hai capito nulla di quello che ho detto, sei tu invece che non dici mai nulla di interessante! E da piccolo una volta hai ingoiato l'inchiostro e picchiato una vecchina.



Luis

Woland ha detto...

Da bravi.

Artemisio ha detto...

io metto il mezzo a disposizione, tu fai il lavoro sporco.

peppermind ha detto...

Sì, ma dargli dell'idiota significa anche pensare che, se fosse stato un po' più sveglio, se la cavava.

Anonimo ha detto...

Sorry, Luis. Cattivo umore, tutto qui.

Danilo

Anonimo ha detto...

;) Ma di nulla,
la parte seria del mio commento precedente era la prima, dal "Anzi, per [...] " scherzavo.

Zalut!



Luis

Anonimo ha detto...

..

Non ti auguro proprio di essere stuprato e poi sentirti dire che te l'eri cercata o che era colpa di tua madre.
porcoggiuda.
ma ci vuole tanto a capirlo che non esiste una giustificazione a uno stupro?
che coglione.

E non venite a dirmi che questo è umorismo, perchè poteva proprio evitare. Lo pensa e lo ha scritto.

fanculo due volte.
stronzo.

YukinoM.

Woland ha detto...

Gentile YukinoM,
Abbiamo ricevuto la Sua missiva. Siccome della vittoria del PD non si è ancora profilata abbastanza nettamente, abbiamo catalogato la sua lettera nello scomparto succitato.

La ringraziamo e La invitiamo a continuare nella sua severa e puntuale disamina dei costumi e delle idee della blogosfera, con l' arguzia e la profondità di analisi che La accompagna.

Le faremo sapere.

La direzione.

Artemisio ha detto...

E chi ha detto che Woland non sia stato stuprato? Buon dio, con quelle braghette corte, era irresistibile.

Ad ogni buon modo, da che ne abbia capito io, no vabbè ma che cazzo avete proprio rotto i coglioni.

Anonimo ha detto...

Artemisio: non è che rompano i coglioni. Cioè, non lo fanno apposta. Semplicemente credono che il fatto di essere nati umani come (probabilmente) Woland li autorizzi a considerare la propria lettura del post come quella nelle intenzioni dell'autore.
Il che corrisponde, più o meno, a sentirsi autorizzati a fare a pugni con Tyson, essendo entrambi esseri umani.

D'altro canto, come fai a far capire a qualcuno che non capisce, se non capisce di non capire? (carina, questa, dai...)

Danilo

Anonimo ha detto...

Come sempre, bel post, Wolad. Mi è piaciuta soprattutto la parte riguardante le madri che, ricordo, sono le stesse madri di figli maschi adolescenti, sia che essi diventino poi ballerini, comici, presidenti o ragionieri. Il fatto è che ci vorrebbero abbastanza palle da essere impopolari, ogni tanto, anche nell'intimità delle relazioni private. E ad esempio sostenere con forza che l'autoindulgenza e quella specie di prolasso uterino che è diventata oggi l'affettività (anche maschile, ahimè), lungi dal garantire una qualunque sorta di libertà, pongono solide basi per una vischiosissima ragnatela di insulsaggine e stucchevolezza.
Andrebbe rivendicato un linguaggio diverso dalla pruriginosa compiacenza, concordo con te (o almeno credo) e questo del tutto indipendentemente dalle singole opinioni sulla sessualità delle tredicenni, che non è l'oggetto in questione, direi.
B.

Woland ha detto...

Infatti, B.

Anonimo ha detto...

senti non ho il tempo di leggere la teoria di commenti che magari già contengono l'appunto di forma che muovo al tuo post: non si scopano le tredicenni eccheccazzo! Poi tutti sbagliano, però non si fa. eccheccazzo. Bowdalians

Woland ha detto...

E invece, proprio leggendo i commenti, avresti trovato tutte le argomentazioni più utili a riequilibrare le tue impressioni.
Ma sei un bodale lavoratore e tuttavia pigrerrimo, quindi ti capisco.

Anonimo ha detto...

siamo tenuti a tutelare una tredicenne anche dal suo essere consenziente.

Anonimo ha detto...

Perfetto, bravo, in accordo con te, forse uno dei pochi sulla rete che ha detto la verità come stava.