sabato 20 marzo 2010

E va bene, te ne do undicia

[Flash post] Tra poco centinaia di milioni di miliardi di persone invaderanno piazza del Popolo [dico il popolo della libertà, ovvio] per appoggiare il Premier. Il biglietto, si dice, può costare anche cento euro. A Berlusconi.

-Signora, che ne dice di venire alla manifestazione contro i comunisti, i giudici, Di Pietro, Travaglio, Santoro, Floris, le persone brutte, il colore viola, gli intellettuali, gli intelligenti, gli stupidi però quelli vestiti casual, gli immigrati, il clima d'odio?

-Quanto?

-Cento.

-E di bocca?

-Fanno due strilli.

-E di mano?

-Dodici applausi.

-Voglio anche i gadget e un'opzione per un mutuo mediolanum

-(Ossignore) Posso sentire il coordinatore appena ha finito.

-Cosa?

-La coca.

-Vengo solo se sotto posso mettermi la canottiera di gramsci e se non devo per forza cambiarmi la suoneria della mannoia.

-Vuole anche un pacco di pasta?

-E un biglietto per la Grecia.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Ho letti tanti commenti, dal sarcastico al grottesco, sulla manifestazione dei subumani, che rendono grazie e onore al loro deuccio.
Possono essere centomila invece di un milione (o come hai giustamente detto tu, uno solo), non è questo l’importante. Forse a loro piace poco apparire, forse avevano altro da fare a casa, tipo stuprare il cane o guardare il calcio, forse bisognava offrire loro qualcosa di più di un biglietto di treno e di pranzo al sacco per smuoverli dalle poltrone.
Fatto sta che quelli che hanno partecipato, chiamati da molti “comparse”, sono solo una goccia del mare, una stilla del sudore che, fra una settimana, cadrà dalla mano che metterà una X sul simbolo del PDL e/o della Lega, decretandone nuovamente il trionfo.
E talmente poca è la loro voglia di apparire, immagino per pudore innato, che io di elettori berlusconiani che ho conosciuti davvero pochi; nessuno, sembra, lo ha mai votato, eppure ha vinto 3 elezioni in 17 anni. Non riesco proprio a capire come abbia fatto. A parte i brogli, ma quello è un altro discorso.

Woland ha detto...

Quanti andavano in giro a dire fieramente di votare Democrazia Cristiana negli anni immediatamente precedenti a Tangentopoli? Pochissimi. La più becera delle ideologie ha spesso nella gigante massa piccoloborghese il più eroico e insieme pudico dei sostenitori. Quelli che votano come si masturbano, nel buio di un'urna vuota.