domenica 4 ottobre 2009

QUANDO KROPOTKIN E' L' ONOMATOPEA DI UNA SORREGGIA

A guisa di festa si riunisce la compiaggine (compagine del compianto) nella Piazza del Popolo, che però in italia (mi si non scusi il minuscolo) è da sempre la Piazza dei Popoli. C' è anche Woland, che sente Marcoré leggere Tocqueville e ne conviene e se ne compiace, ma pensa si vabbé, su 300'000 persone (secondo la questura "tre squadre di pallamano"), quattro studenti e poi Tocqueville ritorna nell' alveo di coloro di cui alcuni hanno sentito nominare il nome.

Per non menzionare l' intervento di Del Boca, che non me lo ricordo, ma diceva tipo:

"Salve, sono Lorenzo Del Boca, il presidente dell' Ordine dei Giornalisti, un ordine creato dal Dux (Mea magna lux) per assoggettare la stampa all' esecutivo, e che esiste solo da noi e consente ai giornalisti di fare i giornalisti, forse, dopo quattro anni -minimo- di calvario, o dopo due anni e un paio di diecimila euro in una delle due scuole di giornalismo in Italia, in una delle quali sino a due anni fa teneva lezioni Andreotti; e vi volevo dire che la libertà di stampa è sacra e che noi giornalisti dobbiamo fare autocritica nei confronti di un certo pronismo che si diffonde in maniera cancerosa. Grazie a tutti, ora vado che mi si riscalda la cedrata".

Almeno credo.

Bello invece l' intervento di uno dei membri del CdR de L' Avvenire, quotidiano CEI, che si limita a difendere Dino Boffo, il cui apporto fondamentale alla cultura italiana è stato quello di essere licenziato. Ciao, Dino, e grazie, gli dicono dal palco. L' applauso è sommesso ma c'è.

-Hanno applaudito Dino Boffo?
-Oggi applaudirebbero anche una rana.

Ci sarebbero diverse cose da dire, in bene e in male. Ma mi scuserete se oggi scrivo tanto per scrivere, e se la desolazione non scompare se ci pianti un geranio.

Oh, io condivido la manifestazione. E' che non condivido più i manifestanti.

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Grande, bimbo.

Danilo

Anonimo ha detto...

Imbecille, mi permetto di continuare a suggerirti l'ingresso nel mondo dei social network, che è un po' come andare in giro nudi in una clinica per ciechi dopo aver mangiato SOLO fagioli per ventisei anni. Roba che pol pot è una giovane marmotta. Con deferenza e precursione dell'equinozio, il tuo amico,
Papi.

Woland ha detto...

Tu devi essere uno di quei miei cari amici che continuano a propugnarmi l' adesione a facebook. La soluzione è semplice. Pagami. Oppure attendi. E' probabile che alcune condizioni ambientali mi possano presto forzare all' iscrizione.

cliste ha detto...

non lo fare woland. resisti...

(la parola di verifica è succedanei)(no sto bleffando)(in realtà è EMAtersi. c'èntra comunque chinaski)(uno dei 77 insomma)

NostradAmuse ha detto...

Sull'ultima frase sono d'accordo in pieno, per questo non mi ha sfiorato l'idea di prender parte alla manifestazione. Tutti quei pidini idivini cgllini, blah. Ok torno nel carapace che chiamo"casa".
Saluti